Seleziona una pagina

25 APRILE 2020: avremmo voluto celebrare degnamente il 75° anniversario della Liberazione di Milano alla Casa della Memoria con una mostra di documenti, storie, immagini, suoni, testimonianze dei protagonisti di quella meravigliosa e irripetibile primavera in cui i milanesi, insieme a tutti gli italiani, seppero riconquistare la libertà, porre le basi della democrazia repubblicana e sottoscrivere il solenne impegno a costruire un futuro migliore. Andavano ricostruite la città e l’Italia intera, oppresse dai lunghi anni della dittatura fascista, dilaniate da una guerra spaventosa e vergognosa, responsabile della morte di decine di milioni di persone, della vergogna dei campi di sterminio nazista, di una violazione inaudita dei diritti umani.
Avremmo voluto vedere la Casa della Memoria affollata dei tanti cittadini partecipi, interessati, consapevoli e commossi, che frequentano abitualmente le nostre mostre, gli eventi, i concerti, i dibattiti, le attività educative, come avremmo voluto vedere il consueto grande corteo, l’omaggio alle lapidi dei partigiani sulle case della città, il ricordo riconoscente dei milanesi.
Ma tutto ciò non è possibile a causa della pandemia. Quindi, come avviene nella nostra vita quotidiana in questo periodo, abbiamo utilizzato la rete e vi presentiamo un video e una mostra virtuale (in un apposito sito dedicato), organizzata dall’Istituto nazionale Ferruccio Parri e dall’Anpi, che ci introduce ad alcune esemplari testimonianze della ricchissima documentazione sulla Resistenza e che appassiona, incuriosisce, invita a conoscere di più, stimola la fantasia.
La pandemia è una tragedia globaale, ma, per quanto grave e minacciosa per la vita delle persone, la distruzione di posti di lavoro e di attività produttive, non è paragonabile alla Seconda guerra mondiale. Oggi siamo reclusi nelle nostre case, ma non siamo isolati, comunichiamo e partecipiamo grazie alla rete, c’è il rischio del contagio, ma non il pericolo angoscioso delle bombe, della violenza dei nazisti e dei fascisti, della fame e della miseria. Ma, soprattutto, oggi viviamo in una democrazia, che pur con tutti i suoi difetti ed errori, garantisce i diritti fondamentali, il pluralismo politico, la libertà dell’informazione. Tuttavia libertà e democrazia non sono date una volta per tutte, devono essere costantemente difese, l’emergenza non deve essere il pretesto per limitarle. Dobbiamo essere vigili custodi delle libertà e delle istituzioni democratiche e la memoria della Resistenza contro il nazi-fascismo ci ammonisce e sprona ad esserlo sempre.
Esistono tuttavia alcune analogie tra la guerra mondiale e la pandemia. Comparabili sono l’abnegazione e il coraggio dei medici, infermieri, personale sanitario, volontari, l’impegno di tutti coloro che garantiscono servizi essenziali, la mobilitazione delle migliori energie della nostra società; e paragonabili sono il sentimento di solidarietà e il senso di responsabilità che sentiamo nei confronti dei nostri concittadini italiani e europei e di tutti gli abitanti della terra, la consapevolezza del valore inestimabile della pace e della concordia perché nessuno si salva da solo.
Sarà questo uno strano 25 aprile, diverso e drammatico, in cui dobbiamo ribadire e rafforzare, con ancor maggior determinazione e consapevolezza democratica, il nostro patto di cittadinanza, nel ricordo di coloro che hanno dato la vita per ridarci libertà e giustizia.

Alberto Martinelli, Presidente di Casa della Memoria

info@milanolibera.it

INVIA

la storia, le immagini, la voce
della tua Resistenza,
dei tuoi genitori, dei tuoi nonni.

Grazie a

Un ringraziamento agli sponsor,
e a tutti coloro che hanno contribuito
con suggerimenti, intuizioni
e critiche al progetto.

Media partner:

grazie all’amichevole
collaborazione di: